Rottamazione quater e nuova sospensione 2021 2022: misure allo studio

Questa settimana dovrebbe essere approvato nel Consiglio dei ministri il decreto fiscale collegato alla Legge di bilancio 2022. Ecco le misure più probabili:
proroga nei pagamenti per chi riceve gli avvisi: per i contribuenti che hanno iniziato a ricevere gli atti da parte dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione i giorni a disposizione per il pagamento saranno 150 oppure 4 mesi. In questo modo il governo verrebbe anche incontro alle richieste di spalmare su un tempo più lungo i pagamenti, visto che imprese e cittadini hanno risentito tanto della crisi sanitaria ed economica del Covid 19.
proroga nei pagamenti per chi ha aderito a rottamazione ter e saldo e stralcio: per i contribuenti non in regola, sarà possibile recuperare i versamenti non effettuati entro 18 mesi
nuova rottamazione quater grazie ad una nuova definizione agevolata dei ruoli. In particolare sarebbe attuabile anche attraverso “meccanismi deflattivi del contenzioso tributario e di definizione delle liti pendenti e prorogando il termine di validità degli interventi temporanei introdotti alla fine dello scorso anno”. La proposta nasce dalla necessità di tenere conto delle differenti posizioni dei singoli contribuenti interessati e dalle difficoltà in cui versano a causa della crisi sanitaria.Richiesta anche la sospensione degli obblighi di accantonamento derivanti dai pignoramenti presso terzi effettuati dall’agente della riscossione o degli altri soggetti affidatari della riscossione.
Come sempre però bisogna fare i conti con la realtà e con la copertura dei saldi, ma per ora il Governo ha approvato un ordine del giorno, nella seduta del 9 settembre, in merito ad una nuova pace fiscale.
Qui di seguito il testo dell’ordine del giorno approvato dalla Camera che impegna il Governo:
La Camera, in considerazione del perdurare dello stato di difficoltà in cui versano famiglie ed imprese per effetto dell’emergenza connessa alla crisi epidemiologica da COVID-19 e considerata la necessità di non aggravare ulteriormente la posizione dei contribuenti con riferimento ad esposizioni debitorie nei confronti dell’erario, impegna il Governo:
nel quadro complessivo delle esigenze in corso di approfondimento ai fini della predisposizione della prossima manovra di bilancio e nel rispetto, comunque, degli equilibri di finanza pubblica, tenendo anche conto, ove possibile, delle differenti posizioni dei singoli contribuenti interessati:
a valutare l’opportunità di prevedere sia un piano straordinario per prorogare ulteriormente i termini delle notifiche delle cartelle esattoriali riferite al periodo emergenziale pandemico, sia una nuova disciplina della riscossione dei debiti iscritti a ruolo (cosiddetta «rottamazione quater»), anche attraverso meccanismi deflattivi del contenzioso tributario e di definizione delle liti pendenti e prorogando il termine di validità degli interventi temporanei introdotti alla fine dello scorso anno;
a valutare di sospendere gli obblighi di accantonamento derivanti dai pignoramenti presso terzi effettuati dall’agente della riscossione o dagli altri soggetti affidatari della riscossione previsti dalla legge.
9/3223-A/84. Osnato, Davide Crippa, Gusmeroli, Ziello, Serracchiani, Baldelli, Marin, Lapia, Plangger, Colucci, Trano, Angiola, Moretto. Il “Decreto Sostegni-bis” pur non modificando le date di scadenza originariamente previste nella “Comunicazione delle somme dovute” della “Rottamazione-ter”, ha fissato nuovi termini entro i quali effettuare il pagamento delle rate 2020 e mantenere i benefici della definizione agevolata. Per il versamento delle rate 2021 c’è tempo fino al 30 novembre. Vediamo nel dettaglio il nuovo calendario.
Rottamazione ter: scadenza per le rate 2020: Per i contribuenti in regola con il pagamento delle rate 2019, il mancato, insufficiente o tardivo versamento di quelle in scadenza per l’anno 2020 non determina la perdita dei benefici della “Rottamazione-ter”, se le stesse verranno integralmente corrisposte entro il: 31 luglio 2021, per la rata in scadenza il 28 febbraio 2020; 31 agosto 2021, per la rata in scadenza il 31 maggio 2020; 30 settembre 2021, per la rata in scadenza il 31 luglio 2020; 31 ottobre 2021, per la rata in scadenza il 30 novembre 2020. Si ricorda che per il pagamento entro il termine di scadenza sono ammessi i cinque giorni di tolleranza di cui all’articolo 3, comma 14-bis, del DL n. 119 del 2018. Pertanto, per la scadenza del 30 settembre 2021, il pagamento potrà essere effettuato entro il 5 ottobre 2021.
Rottamazione ter: scadenza rate 2021: Per coloro che sono in regola con i versamenti delle rate del 2019 e del 2020, il termine “ultimo” per pagare quelle in scadenza nel 2021 è differito al 30 novembre. Anche in questo caso, per mantenere i benefici della “Rottamazione-ter”, entro il termine previsto dalla Legge n. 106/2021 di conversione del “Decreto Sostegni-bis”, dovranno essere corrisposte le rate in scadenza il 28 febbraio, il 31 maggio, il 31 luglio e il 30 novembre 2021. Attenzione va prestata al fatto che, anche per il termine del 30 novembre 2021 sono previsti i cinque giorni di tolleranza di cui all’articolo 3, comma 14-bis, del DL n. 119 del 2018. Il pagamento dovrà, quindi, avvenire entro il 6 dicembre 2021.
Rottamazione ter 2021: ecco come effettuare i versamenti Per pagare le rate 2020 non ancora versate, le cui scadenze erano fissate il 28/02/2020, il 31/05/2020, il 31/07/2020 e il 30/11/2020,è possibile utilizzare i bollettini corrispondenti ai pagamenti non ancora effettuati contenuti nella “Comunicazione delle somme dovute” già in possesso del contribuente. Anche per il pagamento delle rate riferite al 2021 è necessario utilizzare i bollettini corrispondenti alle scadenze previste per il 28 febbraio, il 31 maggio, il 31 luglio e il 30 novembre 2021. Attenzione va prestata al fatto che in caso di smarrimento dei bollettini di pagamento, è possibile: scaricarli dal portale entrando nell’area riservata oppure riceverli, senza necessità di pin e password, richiedendo una copia della “Comunicazione delle somme dovute”. Fonte: fiscoetasse.com

Leave a Reply