Partite iva apri e chiudi

Il disegno di legge di Bilancio 2023 ha inserito misure di contrasto al fenomeno delle partite Iva apri-e-chiudi e introdotto nuovamente l’obbligo di comunicazione per i gestori di piattaforme digitali. Nello specifico:
analisi del rischio per il rilascio di nuove partite Iva (nuovo c. 15-bis.1 inserito all’art. 35, D.P.R. 633/1972);
rilascio di una fideiussione per procedere alla riapertura di una partita Iva cessata d’ufficio dall’Agenzia delle Entrate (c. 15-bis.2);
applicazione di sanzioni anche a carico degli intermediari;
obbligo di comunicazione per i marketplace dei dati dei fornitori e delle operazioni.