In arrivo 2 mesi in più per pagare cartelle esattoriali e blocco pignoramenti.

Il nuovo Decreto conterrà la sospensione della riscossione fino al 30 agosto. Due mesi in più rispetto all’attuale scadenza del 30 giugno. Una proroga attesa dai contribuenti in forte difficoltà economica. La proroga riguarderà tutti i provvedimenti di riscossione compresi i pignoramenti. Inoltre, non saranno inviate nuove cartelle esattoriali. Si è parlato anche di un possibile slittamento delle scadenze delle rate della definizione agevolata (rottamazione) e del saldo e stralcio. Le scadenze attuali sono al 31 luglio e al 30 novembre. Al momento però, non ci sono indicazioni di quest’elemento nel nuovo Decreto. La proroga dovrebbe investire anche il blocco dei licenziamenti limitata però solo al settore tessile. Sempre per questo settore, prevista l’utilizzo della CIG Covid. Con la situazione attuale il blocco dei licenziamenti termina il 30 giugno per i settori dell’Industria e Edilizia. Invece, per il settore Commercio e Servizi, il termine è fissato al 31 ottobre 2021. Nel nuovo Decreto predisposte nuove risorse per il finanziamento della Nuova Sabatini. Lo sportello è stato ufficialmente chiuso il 2 giugno, ma si attendono nuovi fondi per la riapertura. Inoltre, si prevede un contributo a fondo perduto che serve a coprire gli interessi per l’acquisto di un nuovo macchinario.
Le misure dovrebbero essere inserite come emendamento al Decreto Sostegni bis e si prevede la loro approvazione in tempi brevi. Tra gli emendamenti compare anche la cancellazione dell’acconto IMU con rimborso per chi ha già pagato. Si tratta dell’esenzione IMU da parte dei proprietari per affitti non riscossi.

Leave a Reply