Fringe benefit fino a € 3.000

Il Decreto Aiuti-quater ha elevato ulteriormente il limite da € 600 a € 3.000 il limite di non concorrenza al reddito di lavoro dipendente di beni ceduti e servizi prestati, nonché delle somme erogate o rimborsate per il pagamento delle utenze e ha ampliato le tipologie di fringe benefit concessi al lavoratore con regime agevolato, limite già innalzato da € 258,23 a € 600 e per il solo periodo d’imposta 2022 dal D.L. 115/2022. Inoltre, sono comprese anche le somme erogate o rimborsate ai lavoratori, dai datori di lavoro, per il pagamento delle utenze domestiche del servizio idrico integrato, dell’energia elettrica e del gas naturale.
L’Agenzia delle Entrate ha precisato che il tetto più alto di esenzione dei benefit è un’agevolazione ulteriore, diversa e autonoma rispetto al cosiddetto bonus carburante. Pertanto, si può fruire di 2 incentivi:
fino a € 200 per uno o più buoni carburanti;
fino a € 3.000 per gli altri beni.
Le bollette da rimborsare entro il 12.01.2023 devono necessariamente riferirsi a consumi avvenuti nell’anno 2022; i buoni carburante devono essere consegnati entro il 12.01.2023, ma possono essere spesi anche successivamente.