Dichiarazione redditi: i documenti da portare al Caf e commercialista.

La stagione della dichiarazione dei redditi è cominciata a pieno ritmo. Siamo tutti alle prese con la raccolta dei documenti, delle spese da portare in detrazione, della certificazione unica consegnare a commercialista e patronato caf per il nostro 730 o altre dichiarazioni annuali. Ma siamo sicuri di sapere esattamente cosa occorre portare per non incorrere in errori dichiarativi e perdersi delle chance di detrazione?
Solitamente l’ente che incarichiamo di seguirci nelle nostre denunce dei redditi, ogni anno ci invia il promemoria per gli appuntamenti e i documenti da portare. Li elenchiamo di seguito, per aiutare i nostri lettori ad arrivare pronti a questo appuntamento annuale con il Fisco. eventuali tessere di patronati, utili per beneficiare di tariffe ridotte,
fotocopia codice fiscale del contribuente, del coniuge e dei familiari a carico, anche per i familiari di extracomunitari
dichiarazione dei redditi dell’anno precedente (730 o Redditi), compresa la Certificazione Unica, eventuali deleghe di versamento
modello F24
dati del datore di lavoro che effettuerà il conguaglio
fotocopia documento d’identità. certificazione Unica
certificato di eventuali pensioni estere
assegni periodici percepiti dal coniuge, in caso di separazione o divorzio
attestazione del datore di lavoro, delle somme corrisposte a colf e badanti. corrispettivi per lottizzazione terreni o cessione di immobili avvenuti negli ultimi 5 anni
redditi diversi percepiti dagli eredi. visure catastali
atti o contratti di compravendita, donazione, divisione, successione. contratti di locazione
canoni percepiti da immobili affittati
copia F24 di versamento IMU 2020
ricevuta della raccomandata inviata all’inquilino, copia del contratto, eventuale F24, modello SIRIA, Modello 69, per chi ha optato per la cedolare secca. contratto di locazione per chi è in affitto
quietanza di versamento interessi per mutui casa, atto di acquisto, atto di mutuo
Fatture pagate al notaio per l’atto di acquisto e la stipula del mutuo stesso
fattura pagata ad agenzie immobiliari per l’acquisto della prima casa
documentazione per la detrazione relativa a bonus facciate e ristrutturazioni edilizie:
documentazione per spese di risparmio energetico, fatture, bonifici e la ricevuta dell’invio della comunicazione Enea. documentazione che attesti l’avvio delle opere di ristrutturazione, fatture relative alle spese sostenute per l’arredo con l’indicazione della natura, qualità e quantità dei beni e servizi acquisiti
ricevute dei bonifici bancari o postali relativi al pagamento delle fatture, ricevute di avvenuta transazione per i pagamenti mediante carte di credito o di debito, documentazione di addebito sul conto corrente
spese per acquisto e posa in opera di colonnine di ricarica dei veicoli elettrici a servizio di condomini o delle singole abitazioni
autocertificazione per gli immobili adibiti ad abitazione principale entro un anno dalla consegna. ricevute o quietanze di versamento di contributi per iscrizione ragazzi ad attività sportive dilettantistiche (palestra, basket, piscina, calcio…)
contratti di locazione pagati per studenti universitari fuori sede o convitti, e in caso anche l’attestato di frequenza al corso di laurea frequentato
rette asili nido
Spese per la frequenza di materne, elementari, medie
spese per università, statali e non. assegni periodici versati o percepiti dall’ex coniuge
sentenza di separazione
codice fiscale dell’ex coniuge. spese visite mediche generiche o specialistiche
scontrini farmacia (ticket, farmaci da banco, medicinali, omeopatia)
spese odontoiatriche o oculistiche (occhiali, lenti a contatto e liquidi)
ticket ospedalieri/sanitari o per esami di laboratorio
ricevute per interventi chirurgici, degenze e ricoveri
ricevute per acquisto protesi sanitarie
ricevute per spese sanitarie sostenute all’estero
spese per soggetti con diagnosi di disturbo specifico dell’apprendimento (DSA)
spese sanitarie per portatori di handicap (mezzi necessari all’accompagnamento, deambulazione, sollevamento o sussidi informatici)
spese per veicoli per i portatori di handicap (autoveicoli o motoveicoli)
documentazione comprovante il costo per la badante
spese veterinarie. contratto stipulato e quietanza di versamento assicurazione: vita, infortuni, rischio di non autosufficienza nel compimento degli atti della vita quotidiana a tutela delle persone con disabilità grave, rischio di eventi calamitosi su unità immobiliari ad uso abitativo, anche nel caso in cui l’assicurazione sia stipulata contestualmente alla cessione del credito d’imposta relativo agli interventi sisma bonus al 110% ad un’impresa di assicurazione
contributi versati per assicurazione obbligatoria INAIL contro gli infortuni domestici (assicurazione casalinghe)
ricevute versamento contributi previdenziali obbligatori o facoltativi
quietanza di versamento a Fondi di previdenza complementare. Anche le donazioni possono essere portate in detrazione. In tal caso occorre portare a commercialista o caf abilitato:
documentazione/ricevute versamenti effettuati a favore di: Onlus, Ong, OdV e Aps, Istituzioni religiose, TRUST e Fondi Speciali, Partiti politici, Istituti scolastici, beni culturali pubblici (Art bonus), impianti sportivi pubblici (Sport bonus), Emergenza Covid etc. ricevute versamenti contributivi all’Inps per lavoratori domestici
spese per l’acquisto di cani guida
spese per funerali
abbonamenti a trasporto pubblico
il bonus vacanze usufruito. Fonte: leggioggi.it

Leave a Reply