Bonus tv da 100 euro senza Isee, come funziona e come richiederlo. Giorgetti firma il decreto

il ministro dello Sviluppo Giancarlo Giorgetti ha firmato il decreto che “attiva” la norma che consentirà di acquistare un nuovo apparecchio televisivo (compatibile con i nuovi standard di trasmissione) con un bonus di 100 euro (-20% fino a un massimo di 100 euro). «A differenza del precedente incentivo, che resta comunque in vigore ed è pertanto cumulabile per coloro che sono in possesso di tutti i requisiti, il bonus rottamazione Tv si rivolge a tutti i cittadini» perchè non sono previsti limiti Isee. Il countdown verso giugno 2022 è ormai cominciato. Un mese chiave, segnato in rosso sul calendario di tutti gli italiani, perché entro quel periodo dovranno essere smaltiti gli apparecchi televisivi vetusti non più idonei al nuovo standard della televisione digitale terrestre (Dvb-T 2 con codifica Hevc main 10). L’ultimo passaggio per poter richiedere l’incentivo è il decreto attuativo congiunto di cui dovranno occuparsi Mise e Mef (una pratica che si trascina da febbraio 2021), che metteranno sul piatto 100 milioni di euro per poter soddisfare le richieste degli utenti. Si potrà usufruire di un bonus fino a 100 euro per rottamare i vecchi apparecchi televisivi. Questo tipo di incentivo non contemplerà la presentazione dell’Isee. In sostanza, non ci saranno limiti, se non quello di poterne richiede solo una a famiglia. L’ asso di tempo di un anno è poco più si è reso necessario per agevolare la transizione. In precedenza, il bonus tv veniva accordato solo con la presentazione dell’Isee: fino a 20mila euro lo “sconto” sarebbe stato di 50 euro (non fino a 100 come prevederà il nuovo decreto attuativo). Per ottenere l’agevolazione, in precedenza, era sufficiente presentare al rivenditore di apparecchi televisivi un’apposita autocertificazione in cui si dichiara di possedere i requisiti (tetto Isee sotto i 20mile) per poter acquistare un decoder o una tv DVB-T2 di qualunque dimensione. Adesso non sono ancora stati forniti eventuali moduli o autocertificazioni, in attesa che il decreto diventi realtà, ma non essendo necessario presentare l’Isee il passaggio dovrebbe essere più semplice, fermo restando il vincolo di poter usufruire di un solo bonus per nucleo familiare.
Il bonus è valido anche nel caso di acquisti on-line.

Leave a Reply